Opinioni futili per ascoltatori inesperti


#28 lady gaga: come portare il concetto di buon gusto ad un livello superiore

la potenza non è solo musicale. è fare al pop femminile da buzzicone di campagna quello che ha fatto alice cooper al rock da stadio.

vestita da sposa

raffinata, prende un caffè con panna ornata da un fiocco.

in versione intellettuale, con filo di perle incluso.

come un’abbondante signora dell’alta società.

con un elefantino. oddio *.*

occhiali ed un’importante acconciatura in tinta.

abbronzata con pelliccia rosa in testa.

tipo condor colorato o pavone.

con cappello militare ma pacifista. postmoderna.

un’allegoria della fragilità e delicatezza umana.

in lotta per i diritti della comunità omosessuale.

offende hello kitty, giustamente.

mentre si bulla del suo powerglove.

con un cerchio in testa.

ci mostra il sole dell’avvenire

deride e umilia quella culona di beyonce

come mina, più pesa.

per quando il tempo è uggioso.

più potente degli x-men, più sexy di wonder woman.

lo schiaffo finale ad hello kitty.

niente da commentare.

la amiamo.



#27 mtv europe music awards

nella categoria eventi musicali imperdibili da chi vuole essere sempre aggiornato delle nuove tendenze di coolness giovanile rientrano sicuramente gli mtv ema, di conseguenza non possiamo esimerci da farne un accorato commento. chiaramente di musica se ne è vista poca (basta dire che il gruppo che ha stregato tutti sono stati gli U2, uno dei gruppi la cui ragione di esistere è stata sepolta da una carriera ventennale di pomposità e dalai lama), donne seminude pure (qualcosina di katy perry, un po’ dei culoni di shakira e beyonce, tutta roba vista e rivista, con zero classe e una dose abnorme di buzziconeria). si sono visti alcuni mezzuomini, un vero maschione, molto patetico cattivo gusto antistorico e, soprattutto, un’ingiustizia colossale e impossibile da dimenticare:

i 3 premi di beyonce e l’unica statuetta della divina lady gaga. è inutile continuare a dire che una b-side della spogliarellista piscia in testa a tutti gli scemi presenti alla premiazione. che poi, tristezza infinita, non era nemmeno presente allo spettacolo (probabilmente indispettita per l’affronto subito) e nel video di ringraziamento era sobrissima (un pugno in faccia al sistema, come a dire “non mi meritate“).

per il resto boh, gli erasure non hanno vinto nessun premio alla carriera, i depeche mode non sono stati insultati e bob mould non è stato incoronato capo del mondo e della musica. quindi niente da segnalare.

Best Live Act: U2 (probabilmente i giurati non hanno mai visto i napalm death dal vivo)

Best Rock: Green Day (rock può significare tante cose)

Best Song: Beyoncé “Halo” (vaffacnulo mondo)

Best World Stage: Linkin Park  (non so cosa significa ma mi risulta strano che il mondo abbia qualcosa da dire a riguardo i linkin park)

Best Alternative: Placebo (una buona alternativa alla virilità che compete alla musica)

Best New Act: Lady GaGa (è giusto, ma è poco, cazzo)

Best Male: Eminem (eminem si è presentato truccato come le amiche di marrazzo e ha vinto come best male. lui nulla)

Best Italian Act: Lost (spero che giusy non venga a sapere di questa cosa qui)

Best European Act: maNga (questi sono tutti gruppi europei)

Best Push: Pixie Lott (non so cosa indichi, ma un premio se lo meritava)

Best Group: Tokio Hotel (un po’ fortina come affermazione)

Best Female: Beyoncé (ci ripetiamo)

Best Video: Beyoncé  Single Ladies (Put A Ring On It) (questo senza andare a cercare la fuoriclasse vera)

 

 

 

 

 




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: