Opinioni futili per ascoltatori inesperti


¡Que se vayan todos!

in spagna stanno accadendo delle cose. cose belle che, chiaramente, qui calano dall’alto col dovuto sottotesto di qualunquismo e ambiguità.
non è questo il luogo per commentarne i significati politici  (il luogo è ovunque).
qui si nota qualcosa che si sapeva  ma che deve riemergere con forza.
ogni cambiamento, ogni rivolta, anche solo in potenza, ha e deve avere i suoi suoni. la musica (come il cinema, l’arte, la comunanza di immaginari) riesce a creare il contesto culturale e il fermento nel quale fare nascere ogni cosa.
dalla spagna arrivano delle note. e fanno capire come, anche da questo punto di vista, l’italia sia ultima tra gli ultimi.
penso ai cortei con le note di guccini e de andrè (è chiaro che la musica di una sconfitta generazionare deve fare da colonna sonora ad un’altra generazione), ai modena city ramblers radicati nell’immaginario collettivo degli adolescenti, ai RATM sotto anestesia, mixati insieme a dei SOAD qualsiasi. alla rinuncia all’impatto dell’hip-hop, a meno che non si tratti di un surrogato borghese come caparezza. alla riduzione della techno a musica da “fighetti”.

la lotta in spagna si nutre di musica che vive. si capisce l’importanza di underground resistance come quella di uno dei più radicali collettivi esistiti (esistenti), si trasla l’assalto di NTM supreme dalle banlieu alle piazze delle metropoli, si destruttura la realtà coi fugazi e si prende la stessa realtà a schiaffi come fa M.I.A., in un’ ovvia contaminazione culturale.

qui c’è la colonna sonora di un momento che è qui e ora, anche se a qualche migliaio di km.
(le bonus track le ho aggiunte io, fosse mai che qualche dj da manifestazione locale abbia un’epifania).

serve la nostra.

Annunci


colleen green
maggio 24, 2011, 11:09 pm
Filed under: dischi | Tag: , , , ,

credo sia la cosa più punk possibile oggi. non per l’immagine da icona elettro-clash, ne per gli occhiali da semi-diva, ne per i testi (che, da tradizione, possono provocare reazioni contrastanti, nelle gradazioni possibili dal disprezzo all’odio all’adorazione: my boy says will you spit on me because i wanna be degraded).

è la somma del tutto, l’attitudine (che è accidentalmente serissima) all’andare contro la normalità indie che, da artic monkeys in poi, diventa quasi reazionaria. perchè qui si tolgono il dolore, le capacità musicali, il buon gusto per l’arrangiamento, le photosession patinate che caratterizzano il pop moderno. quando alla musica togli tutto questo (che, quasi sempre, voglio e reputo necessario) resta, si sa, il punk.

[scaricare]



the times they are a-changin’

aaliyah – one in a million [1996]

nel 1996 sicuramente ascoltavo altro. i korn, sicuramente, nel momento che essere post-metal significava fare roba che venisse dopo, appunto, al metal. ero molto coinvolto anche nella new wave del metal  leggero. di certo non ascoltavo aaliyah, ne le tlc o le en vogue, comunque nessun terzetto vocale di cantanti r’n’b. è giusto che sia stato così, non avrebbe avuto senso per un adolescente maschio bianco seguire questa musica da femmine americane o, nel migliore dei casi, da adulti.

in seguito, come tutti quelli che seguono la musica pop, mi sono fatto un’opinione posticcia sulle produzioni di timbaland o missy elliot come roba innovativa. non lo erano, erano peculiari. alla fine degli anni 90, non al tempo dell’opinione.

aaliyah è la cosa migliore che abbia fatto timbaland. per la voce, per l’immagine e per i suoni. perchè, dopo le esagerazioni della musica elettronica e dell’hip-hop si toglieva, si metteva in risalto la voce (non importa urlare sempre), anche nei campioni, e si ricreava uno stile.

se poi, dopo queste produzioni, c’è stato un abuso di battiti di mani nascosti nei rullanti e di piatti sconnessi (abuso che ha fatto invecchiare questa musica prima della scadenza) non è colpa di nessuno. basta avere il filtro.

l’altra – differnt days [2005]


nei primi anni del 2000, invece, ascoltavo i baustelle. perchè era nell’aria il revival della musica pop d’autore italiana, si sentiva che era imminente l’avvento di artisti che ci avrebbero permesso (a patto di essere un minimo volenterosi) di smettere di ascoltare de andre o rino gaetano (in realtà non ha smesso nessuno, soprattutto tra i ventenni. è il motivo per cui la sinistra perde).

oltre al classico metallo pesante, quelle croci che ti porti dietro sempre (volentieri. è proprio all’inizio del millennio che ci sono stati i segni di risveglio dell’idea che per fare metal serve di spaventare i vicini. piedi nel passato e testa nel futuro). c’era comunque da mantenere una certa virilità. non era certo possibile ascoltare un duo che fa post rock come fosse musica da camera. con l’aggiunta di campanellini elettronici.

è una fortuna che i l’altra non li abbia conosciuti quando uscirono. sarebbero stati marchiati a fuoco come roba di merda o, anche peggio, roba noiosa.

nel 2011  sono un sollievo. un elegia per riconciliarsi con il mondo e con gli altri, appunto.

lady gaga – born this way [2011]

senza freni, contro tutto e tutti. questo è il revival degli anni 80, suonato nel 3000, a 3000.

maledtti siano bob sinclair, raffaella carrà e le sigle dei cartoni animati.




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: