Opinioni futili per ascoltatori inesperti


risposta italiana ai gruppi rock femminili
luglio 18, 2011, 11:52 pm
Filed under: concerti | Tag: , , , ,

è una chiave di ricerca. ci ho pensato. mi piacerebbe avere un robyn italiana, una lykke li, una marissa nadler. non ci sono, i posti in alto, per ora, sono presi. ma non è nemmeno colpa della tradizione nazional popolare, dei talent show o della natura conservatrice italiana. anche in america ci sono i talent show e roba simile (però laggiù portare in tv la musica produce roba strafighissima come questa, mentre qui, a parte il fenomeno giusy ferreri ha prodotto solo aspiranti baristi) ma, nonostante tutto, riescono ad emergere (riescono cioè a diventare grandi e grossi) realtà pop assolute.

comunque, se penso al rock femminile mi vengono in mente questi sotto che, con un’unica canzone, sono la risposta italiana al rock, al pop e anche al divertimento (che poi rock femminile non significa nulla. a meno che tu non sia kathleen hanna ❤ <3)

PS c’è stato il concerto di bobo rondelli alla festa del pd, con annessa polemica. diverse chiavi di ricerca sul tema portano qui. quest’anno non c’ero: alla festa del pd preferisco non andare, a meno che non ci suonino, che so, bobo rondelli (ma nel 2010) o i gang of four (ma non ci suonano: primo perchè sono marxisti, secondo perchè nessuno del pd locale ne conosce l’esistenza).
però, nel caso di quest’ anno, più che criticare la reazione penosa e scomposta del vecchio (dispregiativo) militante del partito egemone, rifletterei sull’opportunità di supportare certi soggetti suonando per loro o presenziando ai loro requiem funebri)

Annunci


brevi

a livorno non c’è un cazzo. è il refrain ricorrente da anni ma quest’ anno è ancora più attuale.

scappato italia wave (la puglia è in grado di succhiare ogni centesimo da chi si avvicina ai confini, livorno, per scelta, fa fuggire ognuno, a parte ristoratori e truffatori), resta il ridicolo effetto venezia (un tempo, forse, espressione di un quartiere peculiare, ora semplice sagra del fritto e del lavoro nero) di cui ignoro il programma (un concerto di qualche scuola di musica sarebbe grasso che cola) e il livorno rock village (una ricettacolo di brigidini, vendite di folletto e cover band). poi, chiaramente, c’è la festa del pd. parlarne male è come sparare sulla croce rossa. si segnala l’ovvio bobo rondelli (ci soffro) e, soprattutto, lo spettacolo del centro vertigo di marco conte. questo tipo è l’autore della prima fiction livornese. è la cosa più bella ed angosciante che abbia mai visto. è importante diffondela, si merita di prendere sputi da ogni parte d’italia, non solo da noi astiosi e invidiosi (perchè siamo invidiosi) frequentatori di internet.

a breve la cosa migliore è una festa autogestita e autorganizzata che fa vivere un meraviglioso spazio lasciato all’abbandono dall’amministrazione. oltre al doveroso sottotesto politico c’è anche il tentativo di riportare uno stile di musica radicale nei luoghi dove deve stare, quelli dove una cultura musicale riprende di significato e si slega dalla logica (imposta) di droga e marciume. è riappropriarsi del corpo e dello spazio, le sostanze sono un accessorio non fondamentale, anzi. andare e liberarsi.

nel frattempo ci sono stati, entro 100 km, due concertoni.

[foto by froggypunk]

epici e intensi, un’orchestra non più indie che ammicca alle grandi arene. il più grosso gruppo degli anni 10, con la pericolosa tendenza al coro da stadio: il rischio di essere i nuovi U2 è concreto. serve vederli ora e preservarli.

[foto by marcoo]

è pronto per la pensione, da anni. è grandioso vedere una leggenda. ma ormai è una leggenda che suona per dovere di firma, con l’intensità di un ragioniere in vacanza. restano alcuni momenti notevoli (venus in furs, pale blue eys, sweet jane) altri imbarazzanti (sunday morning suonata come farebbe un nonno la domenica mattina per addormentare la nipotina, femme fatale  con lo stesso nonno che parla con la sua badante). rivedibile (anche se non credo che ci sarà occasione).

[bonus]

uno dei più originali e personali gruppi livornesi. finalmente un video che, oltre ai mezzi tecnici, mostra un’idea narrativa. e narra una storia per immagini, con la dovuta cura per la regia, ammazzando (alla buon ora) l’ipercinetismo che caratterizza i clip italiani (ma anche molto cinema a dire il vero: per non rendere stucchevole e epilettico un video bisogna essere tony scott ed in giro ce ne sono pochi. per narrare per immagini serve avere delle idee).

un applauso ai fratelli Paolo e Marco Bruciati, registi.

[bonus 2]

solo per godere.




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: